Crea sito

Back To Top

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5
L'abbazia di Montecassino/ The Abbey of Montecassino
La Cripta di Anagni/ the Crypt of Anagni
Il chiostro dell'abbazia cistercense di Casamari/ the cloister of the Cistercian Abbey of Casamari
Gaeta ed il suo mare/ Gaeta and the coast
Il giardino della Certosa di Trisulti/The garden of the Carthusian Monastery of Trisulti

Dott.ssa Anna Maria Priora

djGuida Turistica Abilitata per le Province di Frosinone e Latina. ....................................... Licensed Tourist Guide for Montecassino and its surroundings. ....................................... Cell/mobile+39.328.1965002 www.facebook.com/anna.priora annamaria.priora@gmail.com

cell/mobile +39 328 1965002

mail: annamaria.priora@gmail.com

Get Adobe Flash player

SP Simple Youtube

Contatta le Guide!!!

Inviate un elenco delle località che volete visitare, indicate anche il numero di giorni a vostra disposizione. Esigenze particolari (es gruppo di persone anziane, bambini ecc). Indicate anche il vostro NOME e numero di TELEFONO. Tutti questi dati verranno utilizzati al solo scopo di potervi ricontattare secondo le leggi sulla privacy. Scrivete il VOSTRO indirizzo Email nel formato xxxxx@yyyyy.xy
Email:
Descrizione dell'itinerario, giorni a disposizione, esigenze ecc (obbligatoria):

Inviami una copia per email
Una volta scritto il vostro indirizzo EMAIL e la descrizione dell'itinerario, cliccate su SUBMIT per inviarlo. Le Guide Turistiche la ricontatteranno nel più breve tempo possibile!

Facebook FanBox

Nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Sermoneta, proprio dove inizia la pianura pontina, la vostra guida turistica vi mostrerà di sicuro durante la visita guidata uno strano elemento decoration che fa bella mostra di se di lato all'attuale altare maggiore. Questa struttura, addossata alla parete ed ora quasi irriconoscibile, non è altro che ciò che rimane di un ara di marmo dedicata alla dea Cibele, quella che i Romani chiamavano Madre Terra. L'ara sacra si presenta ora con la forma di un sedile episcopale ma in antichità era dotata di una più ampia parete frontale, ed altrettante pareti laterali, coperte da decorazioni legate alla terra, come le teste di montone le ghirlanda di frutta e fiori, le cicogne ed i serpenti. Questo culto arrivò a Roma per la prima volta il 4 aprile 204 a.c. quando arrivò dalla città di Passinunte la statua della Dea. Vista l'oggetto a difficoltà dei Romani a conquistare la cittadina ormai assurdità da giorni, essi promise ro al loro re, che se a esse ceduto, avrebbero onorato la loro Dea a Roma, nella ma ieri più ossequiosa, mentre pregarono la Dea di non continuare ad aiutare i loro nemici. La cittadina capitolò e la statua della Dea fu portata a Roma e le fu costruito un tempio sul Palatino. Siccome la tradizione frigia parla di Cibele come la dea prima, non nata da nulla, ma innamorata del proprio figlio Attis generato senza essere stata sfiorata da altro essere, e poiché Attis si era evitato dopo che la madre lo aveva scoperto mentre amoreggiava con una mortale, nei templi dedicati alla Dea, la sacerdotessa maggiore era appunto una donna e non era sottoposto a nessun altro, ma era assistita da sacerdoti eunuchi, per ricordare l'evirazione di Attis. In realtà la tradizione romana trasforma poi questi culti avvcinandoli maggiormente alla sensibilità romana. È così che i Romani abbandonano l'evirazione dei sacerdoti, per preferire quella rituale di un toro.... La vostra guida turistica partirà da qui e vi narrerà tante altre cose se avrete voglia di seguirla in una sua visita guidata in giro per Sermoneta, uno dei borghi più belli d'Italia.